corporeuscorpora

This WordPress.com site is the bee's knees

Bufale elettorali I: il voto degli italiani all’estero, pericolosa pagliacciata marzo 7, 2013

Democrazia italiana, una triste pagliacciata

Cosa conosciamo del voto degli italiani all’estero, a parte gli onorevoli eletti. 

Che succede nessuno lo sa bene, tutti lo immaginano. 

Ma quel pò che si sa basterebbe ad invalidarlo completamente. 

Tutti i video del nuovo scandalo 2013, da Striscia la notizia a youtube (in fondo al pezzo):  Una nazione di ipocriti e buffoni. 

C’è un grave vulnus alla serietà ed alla credibilità stessa della nazione. Un vulnus capace, a nostro parere, di avvelenare ulteriormente i risultati elettorali 2013.
Una vicenda non nuova, come vedremo, dai risvolti sempre più preoccupanti, considerata la situazione di stallo al Senato, per cui pochissimi consensi senatoriali potrebbero cambiare le sorti di governi e leggi.
In questo contesto i 5 senatori che la legge attribuisce al voto estero non sono affatto trascurabili.
Ed è proprio del voto degli italiani all’estero che dobbiamo parlare.

 

Fortemente voluto dall’anziano, oggi scomparso,  Mirko Tremaglia, allo scopo di rinsaldare le relazioni tra madrepatria e suoi emigranti, o loro discendenti, inaugura la sua triste carriera nel 2001.
Così scrive il dottor Massimo Baldacci, la cui tesi di laurea in scienze politiche ebbe ad oggetto proprio la storia di queste vicende:

Mirko Tremaglia
La legge 459 del 2001, “Norme per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all’estero”, ha rappresentato un traguardo storico per la politica italiana, concludendo un lunghissimo viaggio verso un diritto per troppo tempo negato a chi ha dovuto abbandonare il nostro Paese in cerca di “miglior fortuna”. L’Italia ha,così, infranto il muro di omertà che avvolgeva i nostri connazionali all’estero, riconoscendo i propri “figli della diaspora” e dando loro voce nel Parlamento nazionale.
La legge ha contribuito ad allargare quella piccola finestra sull’ “altra Italia”, consentendo che nell’opinione pubblica italiana cominciassero ad arrivare altre informazioni sui nostri connazionali che, troppo spesso e troppo superficialmente, sono sempre state date per scontate: la fama mondiale di cui gode il nostro Paese, fatta non solo di bellezze paesaggistiche, culturali e storiche, ma anche di sacrifici e forte impegno di quanti, in passato, sono partiti alla ricerca di una nuova vita.
Questo l’aspetto positivo… da subito, però, molte voci si levarono contro la “legge Tremaglia”, a causa dell’eccessiva generosità nel concedere il diritto di voto alle generazioni successive di emigranti e per le procedure, imprecise ed incerte, dell’esercizio del voto, determinate dalla scelta di affidare una tale notevole responsabilità ai consolati, in assenza di controlli.  
Tanto per dare un’idea del clima di trasparenza in cui già nel 2008 si svolgevano tali elezioni estere, riportiamo un breve estratto (sito AIC, associazione costituzionalisti) sul caso Di Girolamo, eletto appunto dagli emigrati:

Nicola Di Girolamo

La Giunta per le elezioni e le immunità del Senato ha esaminato per la prima volta il caso dell’elezione del senatore Di Girolamo (PdL) il 07/06/2008 in relazione ad una richiesta di autorizzazione a sottoporre il senatore alla misura cautelare degli arresti domiciliari (Doc. IV) trasmessa dal Gip di Roma al Presidente del Senato.
In applicazione dell’art. 68 Cost. e degli artt. 4 e 5 della legge n. 140 del 2003 (“Disposizioni per l’applicazione dell’art. 68 della Costituzione”) il giudice romano si era rivolto al Senato nell’ambito di un procedimento penale pendente nei confronti del senatore Di Girolamo indagato per avere falsamente attestato la propria residenza in Belgio allo scopo di potersi candidare alle elezioni politiche nella circoscrizione Estero – Ripartizione Europa.
Il requisito della residenza in una delle ripartizioni della circoscrizione Estero per godere del diritto elettorale passivo nella medesima circoscrizione è previsto dall’art. 8, comma 1, lett. b) della legge n. 459 del 2001 recante “Norme per l’esercizio del diritto di voto dei cittadini italiani residenti all’estero”.

La vicenda prese poi delle pieghe che ancora oggi riverberano sulla vita politica e giudiziaria del paese, tra Gennaro Mokbel e la banda della Magliana, il riciclaggio e la truffa elettorale.
Ma non è questo che ci interessa, bensì la facilità con cui nel voto all’estero si insinua l’incertezza sulla correttezza del voto. 
Potremmo continuare a lungo con episodi del recente passato… preferiamo invece tornare rapidamente al presente, dopo aver dato conto di quanto il problema sia datato. E quindi prevedibile.
Prima di fiatare ancora sull’argomento, lasciamo che siano le immagini e le dichiarazioni a parlare dell’oggi. Le didascalie dei fotogrammi sono cliccabili, attendete i 20 secondi di “buio”, prima dei bei servizi di Striscia, andati in onda fra fine febbraio e primi di Marzo:

Clicca QUI!

Clicca QUI!
Clicca QUI!
Ma non finisce qui. Anche youtube da il suo contributo, non trascurabile. Possiamo aggiudicarci un supplemento di indignazione vedendo questo interessante scoop “privato”:
Ordunque, che ne pensate delle procedure del voto all’estero, dei consolati italiani, dei patronati… insomma di tutta la macchina che Mirko Tremaglia mise in moto?
Non vi pare che sia indegno di un paese civile? 
Non credete che l’immagine dell’Italia, ben lungi dall’essere legata solo alla serietà di un premier, venga intaccata mortalmente da queste oscene vicende che, elezione dopo elezione, si ripetono ininterrottamente?
Non vi pare che il movimento 5 stelle, nella sua urlata sete di trasparenza e purezza, avrebbe dovuto farsi carico di questa denuncia, dall’alto del 25% dei consensi?
Oppure anche lì si fanno i conti politici di una vittoria che non si vuol mettere in discussione, nemmeno per la componente estera (di cui, comunque, non si avvantaggia direttamente?)
A mio parere, l’intera validità del voto estero è messa in discussione. 
Così come i 4 senatori pervenuti al PD e l’unico a Monti. 
La questione, visti i numeri in campo, non è di poco conto. 
Vorreste davvero che una maggioranza fondata su due nomi porti addosso tale ipoteca?
Potete davvero immaginare l’elezione di un presidente della Repubblica per cui questi seggi senatoriali siano decisivi (e l’ipotesi non è solo una delle tante, leggete QUI), oltre all’incredibile premio di maggioranza? 
Meditate gente, meditate… 
 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...