corporeuscorpora

This WordPress.com site is the bee's knees

nudita´ dicembre 21, 2012

Amici lettori,

questo post è sofferto, le conseguenze che proporrò in questo testo non sono ortodosse. Sarò meno preciso e articolato del solito, molti dei riferimenti sono solo in inglese oppure non li trovo più.

Non abbiatevene a male.
Dunque, il mio ragionamento di oggi parte da una pagina su facebook intitolata 

Che significa che il corpo non e`qualcosa per cui dobbiamo scusarci.
La pagina e`a cura di alcune donne che ritengono che il cosiddetto senso comune, la vulgata, sia discriminatorio nei confronti del corpo femminile.
Che pretendono dalle donne le scuse per il corpo che hanno. Esattamente come fanno i fondamentalisti islamici che pretendono il Burqa.

Queste donne rivendicano perequazione e la fine della discriminazione.
E` un fiorire di donne pingui e di articoli in cui si spiega alle proprie figlie cosa sia belle.

Qualche esempio.

pinguedine ma non solo
“e` questa l´apparenza della disabilita´”
“non lasciare che la fesseria odierna ti convinca che son saresti bella”
O anche questo articolo intitolato “Ho cominciato a dire alle mie figlie che sono bella”
Questa pagina ha subito la mannaia censoria di Facebook. Fotografie cancellate, account degli amministratori sospesi.
Ma c´e` anche un´altra storia interessante. Quella di Dana Bakdounis, una ragazza molto giovane e siriana. Siriana, si, la Siria, il paese di Bashar Al Assad.
Dana si e` fotografata senza velo, con il documento di identita´ ben in vista, e ha pubblicato la sua immagine su Facebook, per autodenunciarsi. Eccola.

Dana avrebbe subito minacce di morte e anche sua madre, con cui i rapporti si sarebbero raffreddati a causa di questa iniziativa, avrebbe ricevuto minacce.
Anche in questo caso posso indicarvi un meraviglioso gruppo su Facebook in cui si raccolgono donne arabe che, come Dana, si fotografano insieme ad un cartello in cui esprimono per iscritto il loro appoggio alla liberta´ delle donne arabe.
Molti occidentali si palesano in questo gruppo.

Alcuni esempi

Sven, dalla Germania
Dani da Belfast
Youssef, dal Libano
manifestazione a Toronto sulla violenza contro le donne
donne egiziane contro i fratelli musulmani a Taharir
Yann Guillermou, Parigi

Anche questo, di gruppo, ha subito la censura. Naturalmente i bacchettoni islamici segnalano le immagini come offensive e la procedura di Facebook per dirimere questo genere di questioni non funziona granche´ bene.
Le ragazze arabe censurate hanno scritto che Facebook sostiene il machismo integralista e si presta all´autoritarismo dei paesi arabi.
Al punto che l´ufficio Policy di Facebook ha consegnato un comunicato in cui ammette errori, si scusa e promette correzioni.
Hanno spiegato che impiegano personale proveniente da molti paesi del mondo per verificare le segnalazioni di materiali offensivi e spesso queste persone non riescono a seguire le linee guida in maniera oggettiva ma vi antepongono la loro inclinazione culturale. Per cui piu´ volte sono state cancellate immagini che secondo la policy erano ammissibili.
Tutti i link su questa faccenda sono in inglese e quindi ho qualche remora a proporli.
Mi basti dire che la cosa e` stata trattata dalla BBC e anche da stampa femminista, naturalmente.
Fra l´altro e`trapelato un documento interno in cui sono esplicitate nel dettaglio le linee guida. Ad esempio si possono mostrare teste schiacciate o arti,  a condizione che non siano visibili interiora. 
Ma al di la di documenti, piu o meno riservati, che trapelano grazie ai cosiddetti leaks (perdite), Facebook ha fatto sapere che i seni nudi, se non compare anche un bambino che allatta, non sono consentiti dalle sue linee guida e che se una foto con seni nudi viene segnalata, verra´ cancellata.
Questo perche, argomentano dalla squadra di revisori, non e` facile stabilire quando una immagine di nudo non abbia alcun contenuto sessuale. (N.d.Ab. L’abate è stato vittima di una tale censura, su youtube. I seni, naturalmente, non erano i suoi. Da oggi, in via eccezionale, per tre giorni su pic of the week).
Questo tema lo avevo gia´ affrontato nel mio fortunato pezzo Corpi Nudi. Anche nel caso affrontato in quel pezzo, infatti, si era palesato il problema di come le policy di Facebook si appiattissero sul minimo comun denominatore consentito da intolleranze bacchettone di ogni provenienza.
Nel problema era incorsa l´associazione Certi Diritti quando per la campagna di tesseramento aveva inviato gli iscrivendi a pubblicare foto di se stessi nudi.
Uno di loro si era fotografato in un nudo integrale e la foto era stata prontamente censurata. La foto in questione era questa
un esempio di pornografia contemporanea
La legge e la giurisprudenza italiane stabiliscono che la semplice nudita´ non e` un atto osceno.
Altri paesi hanno altre norme, alcuni piu´ restrittive alcuni piu´ liberali.
Cioe´ la legge arriva a riconoscere che fra il nudo a contenuto sessuale e quello no una distinzione esiste.
Facebook questa distinzione non la riconosce.
Come per tutti i moralismi, piu o meno intolleranti, infiniti controcasi sono possibili, ovviamente.
Ma l´interesse di Facebook non e` di essere coerente o equa. E´ di non perdere una fetta di pubblico intollerante e bacchettone.
E siccome a decidere non e` un tribunale ma una azienda privata, la linea e` quella per cui a un nudo nessuna ambivalenza puo´ essere concessa. Un nudo e` pornografia.
Con buona pace di leggi liberali e tribunali.
In occasione della campagna di Certi Diritti, alcuni amici cosiddetti democratici usarono l´argomento per cui la policy di Facebook era nota, perche´ questo pene avrebbe dovuto essere trattato diversamente da altri ? La polemica sarebbe stata strumentale.
Osservavano cioe´ che Facebook era stato coerente con le sue policy e tanto a loro bastava.
Che la legge dello stato avesse un´altro intendimento sul tema a loro non interessava.
“Ve lo avevano detto”. Che e` un po´ quel che lo stato cinese dice ai suoi dissidenti.
I miei amici democratici riescono sempre a sorprendermi per la loro sensibilita´ ottusa ai principi e invece affilatissima alle situazioni “di fatto” di praticabilita´ politica.
Incredibile come gente che si etichetta democratica riesca ad essere cosi´ naturale nell´abbracciare una cultura sessuofoba e autoritaria sulla base di formalismi.

Tutti allievi di Henry Kissinger, Massimo D´Alema, tutti realisti.
Sostenere (o almeno parlare di) queste ragazze sarebbe una occasione commovente per chi volesse trovare altre vie di esportare la democrazia.
Invece, nei fatti, i miei amici democratici, a queste manifestazioni affibbiano il carattere di “irrilevanza” (progenitrice della non notiziabilita´ ?).
Io invece mi domando: perché quando il mondo arabo esprime rabbia cieca, aggressione, fondamentalismo fa notizia e quando invece esprime una istanza di modernità, liberale, di dominio del proprio corpo, non fa notizia ?
Queste donne arabe col velo sono così diverse dalle nostre, degli anni 60, con la minigonna o quelle degli anni 70 che dicevano “il corpo è mio e lo gestisco io” ?
Mutatis mutandis, l’istanza non è la stessa ?
E i democratici perché non dicono nulla in merito ? Un giornale, un opinionista, un’amica di Serra, qualcuno ?
Come pensano di dar seguito alla loro tesi per cui dovremmo tentare di far funzionare meglio l’integrazione ?
Non sarebbe questo un controargomento importante per chi dice “le vostre palandrane del cazzo” ?
Non sarebbe questo argomento per combattere la paura qui da noi, in occidente ?
Io credo modestamente che un contributo alla soluzione sia quello della rappresentazione dell’umanità musulmana.
Per aiutare la nostra, di opinione pubblica, ad affrontare la paura e, come risultato, la loro ad affrontare la loro questione. Sarebbe così che si affronta il doppio standard, quello della propaganda democraticista e della pratica sciovinista. O no ?
Per non parlare della sicurezza.
I giovani musulmani qui da noi, che non sono cittadini neppure essendo nati qui, trovano rifugio nel cosiddetto empowerment identitario fornito da posizioni islamiste oltranziste. Spesso capita che i musulmani in occidente sono più retrivi di quelli nei paesi d’origine.
Poi, l’altra minaccia alla sicurezza posta da chi esce anzitempo dal carcere. Le statistiche dicono che chi fruisce di riduzioni di pena non torna a delinquere per lo più. Chi non ne fruisce si.
Eppure per i nostri amici democratici questi argomenti sono “delicati”, irrilevanti, strumentali, non notiziabili. 
Donne arabe che si espongono alle ritorsioni, usando la nuova comunicazione di massa, con rivendicazioni simili a quelle femministe, non sono una notizia. Non ci sono elaborazioni da proporre, in merito.

E non lo è neppure il fatto che gli organismi internazionali competenti dichiarino ufficialmente che l’Italia non rispetta i diritti umani. Ad esempio nelle carceri.
Il problema è sempre un altro. Grande prestazione “democratica”. Davvero notevole.
Eppure, su questo cliché stucchevole della rabbia musulmana, così funzionale a tesi retrive anche da noi, un accenno di controinformazione c’è stata. Ma non in italiano.
Guardate, ad esempio, queste immagini.
egiziani furiosi
due iracheni furiosi
musulmani iraniani furiosi nella neve
egiziano colmo fino alla cima dei capelli di rabbia musulmana
egiziani si ritrovano per dar sfogo alla loro rabbia musulmana
una ragazza giordana, evidentemente iraconda
irragionevole rabbia musulmana
terrificante immagine di iracheni furibondi ed aggressivi
rabbia musulmana in Iran
rabbia musulmana in Iraq
egiziani irosi che prendono una pausa dalla loro rabbia musulmana
una famiglia egiziana, con la schiuma alla bocca
altro esempio di rabbia musulmana
Anche Avaaz aveva proposto un articolo, che risale ai giorni della “rabbia” per il film blasfemo si Maometto, in cui proponeva questo semplice elenco.
  1. Stime precoci collocano la partecipazione alle proteste anti-film fra lo 0.001 e lo 0.007% del miliardo e mezzo della popolazione del mondo musulmano. – una frazione ridottissima di coloro che hanno marciato per la democrazia nella primavera araba. 
  2. La grande maggioranza dei protestatari è stata pacifica. La violazione di ambasciate stranuiere sono state organizzate o caldeggiate da elementi del movimento salafita, un gruppo fondamentalista preoccupato di minare i gruppi islamici più moderati. 
  3. Alti ufficiali statunitensi e libici sono divisi sull’ipotesi che l’uccisione dell’ambasciatore statunitense in Libia sia stata organizzata o no a coincidere con l’11 settembre e quindi non connessa al film.
  4.  A parte gli attacchi di gruppi fondamentalisti organizzati in Libya e Afghanistan, da una ricognizione delle notizie fino al 20 settembre suggerisce che i protestanti hanno ucciso un totale di 0 persone. Le morti riportate dai giornai sono state in larga parte dovute agli interventi delle polizie 
  5. Praticamente tutti i leader, musulmani e occidentali, hanno condannato il film e tutti i leader, musulmani e occidentali, hanno condannato forme di violenza che avessero dovuto emergere in risposta a quello.
  6. Il Papa ha visitato il Libano al culmine della tesnione e i leader di Hezbiollà hanno assistito al sermone, hanno invitato a rimandare la protesta a quando il Papa se en fosse andato e hanno invocato la tolleranza religiosa. Hezbollà. Si, è successo.
  7. Dopo gli attacchi a Benghazi, gente comune è scesa in strada a Benghazi e Tripoli con cartelli, spesso in inglese, in cui chiedevano scusa per l’accaduto e dicevano che la violenza non rappresentava loro o la loro religione. 
Prima di tirare le fila di questo discorso, devo introdurre l’ultimo argomento, fare l’ultimo passaggio. Dovuto.
Oggi leggo questo articolo che riferisce della confusione sulla data delle elezioni, dell’obbligo di raccogliere firme per potersi candidare.

Ancora oggi, a meno di un mese dal voto, non è chiaro quali saranno i soggetti esonerati dall’obbligo del raccogliere le firme e neanche se il numero di firme sarà dimezzato, visto che il tempo stringe.
Aggiungiamo che secondo il Consiglio d´Europa e la Corte Europea la legge elettorale non si cambia a meno di un anno dal voto perché l´elettore potrebbe avere la sensazione che il potere manipola il processo elettorale e il voto non e` piu´ l´elemento che determina l´esito.

In Italia la legge elettorale si cambia a meno di un anno dal voto abitualmente a partire almeno dal 2005. Quasi tutte le elezioni regioanli e un paio di politiche hanno visto la legge elettorale cambiata meno di una nno prima.
A questa tornata, ad esempio, alcuni partiti non potranno presentarsi perché non potranno raccogliere  le firme, in una cornice in cui la questione viene affrontata col metodo della faida tribale nella incertezza sulle regole più assoluta.
Aggiungiamo che la legge elettorale prevede le tribune politiche sempre, anche non in tempo di elezioni, tribune che non si fanno più da alcuni anni, Dio sa perché.
Aggiungiamo anche che neanche quando la gente è andata in procura a dire “quella firma non l’ho messa io” è accaduto nulla di significativo.
Tutti ai loro posti. Si è parlato di sanità lombarda ma non di elezioni lombarde. Bravi, compagnucci democratici.
Le elezioni italiane non rispettano lo standard democratico occidentale. Come con la durata dei processi e la condizione carceraria.
E poi devo leggere un lettore che scrive a Furio Colombo :
Caro Colombo, secondo te bisogna rischiare di morire per attrarre un briciolo di attenzione su questioni grandi come una casa, come l’illegalità e i carcerati? Come hai capito mi riferisco al digiuno estremo di Marco Pannella.

Michele

La risposta di Colombo la potete leggere da soli.
Io vi propongo quella che ha dato Pannella stesso:
L’Italia è preoccupata se io bevo o non bevo: ma vi rendete conto a cosa ci ha ridotto il regime partitocratico?
E cioé la questione è sempre un’altra: la forma della lotta, in questo caso.
E non i diritti umani, che calpestiamo formalmente, non l’istanza liberale del mondo arabo e non.
Con il concorso attivo dei compagnucci democratici, che discutono della policy di facebook, invece che della sostanza della questione.
Quanto ai compagnucci a sinistra dei democratici, quelli comunisti così, che dicono che la retorica dei diritti civili e della rivendicazione di tipo liberale degli oppressi arabi sarebbe marginale e che l’odiato imperialismo userebbe biecamente questi argomenti in modo strumentale e che la vera liberazione è un’altra, voglio pensare anche a loro.
Qui c’è un esempio di questa corrente di pensiero.
Un passo emblematico:
Grazie al disarmo unilaterale a sinistra – favorito dai provinciali esibizionisti alla Pannella, ansiosi solo di épater le bourgeois – abbiamo avuto in dono quarant’anni neoLib; con il loro carico di crescenti disuguaglianze, di smantellamento degli apparati protettivi contro i rischi della vita, di prevalenza della Forza sui Diritti.

Questo articolo merita probabilmente un post apposito. Contiene alcune perle, vediamo ancora qualche passo
[Pannella] in quanto francofono, fu spedito a Parigi come corrispondente de Il Giorno diretto da Italo Pietra. Lì venne a contatto con i cinismi del nascente Postmodernismo che avrebbero corroso la tradizione di una Sinistra già di per sé in via di involuzione burocratica, anteponendo ai principi di azione collettiva le fanfaluche dell’individualismo desiderante e i deliri sulle identità che andavano a frammentare la coesione sociale.

Sospetto che i pericolosi individualismi invisi all’autore assomigliassero a quelli dell’autodeterminazione delle donne arabe, ma confesso di non essere frequentatore della congerie culturale cui appartiene l’autore.
Proseguiamo:
consentirgli affermazioni fraudolente agganciando le proprie giravolte iomaniache alle battaglie di grandi personaggi liberal/liberisti quali Gaetano Salvemini ed Ernesto Rossi. Liberisti? Certo. Ma in un’Italia dove le politiche protezionistiche erano il marchingegno per l’affarismo sotto l’ombrello protettivo dello Stato.Si dà il caso che da quarant’anni l’affarismo ha cambiato strategia: accaparrarsi i beni pubblici banchettando con il patrimonio dello Stato.

Anche qui, confesso di non capire la differenza fra lo statalismo dei tempi di Rossi e Salvemini e quello dell’epoca che ne è seguita, sempre secondo l’autore. Cioé allora gli affaristi erano statalisti e dopo sono diventati liberisti anche loro ? E le partecipazioni statali ?
Ma adesso viene il botto finale
Tutto questo non turba il salveminiano apostata: la colpa sarebbe della sindacatocrazia. Ma per favore! Da tempo le centrali sindacali sono state messe nell’angolo e molta di quella nomenclatura si è riciclata da caporalato. Cioè hanno proseguito sulla strada compromissoria che Ernesto Rossi denunciava su Il Mondo già nel 1953. Contro cui insorgono oggi i metalmeccanici.

Cioé la Fiom di oggi sarebbe erede del pensiero di Ernesto Rossi.
Vabé.
Nell’intanto voglio sottolineare questo post di Fabio Matacchiera, che propone l’intervento alla camera di Elisabetta Zamparutti, radicale nelle fila del PD.
In un post precedente a questo avevo sottolineato come Pannella nel ’94 avesse detto che bisognava preparare la riconversione industriale di Taranto e che c’era chi voleva la guerra dei poveri. E come abbia bollato il decreto di questi giorni.
Sospetto che Cataldo Ranieri, che pure la Fiom la conosce, non sarebbe del tutto in sintonia col nostro autore, Pierfranco Pellizzetti.
E siccome il battesimo del Comitato dei cittadini e lavoratori liberi e pensanti è stato quando hanno cacciato i confederali dal loro palco, per cui ancora oggi il simbolo è l’apecar, credo che almeno alcuni operai tarantini abbiano capito da che parte sarebbe stato Pellizzetti, allora.
Infatti ricordo come, in agosto, gli ortodossi sindacalisti scrivessero che i Liberi e Pensanti non fossero operai veri. “Lucidi e palestrati” scrissero. Lessi i loro tweet. Traditori quanto Pannella.
Di fronte alle istanze liberali (direi) del mondo arabo e a quelle non così ortodosse del mondo operaio, erede delle partecipazioni statali ma anche di Ernesto Rossi, voglio proporre a Pellizzetti e a chi è daccordo con lui qualcosa che li scaldi. Come spero li scaldi il filmato che segue (non è necessario seguirlo tutto, era per dare l’idea)
Anche Marescotti, del quale sappiamo che a volte segue questo blog, in passato ha ripreso il nostro parallelo sulla posizione del presidente Napolitano sull’Ungheria allora e sull’Ilva oggi (ora non ritrovo il post) ma senza citare noi né Pannella.
Del resto Marescotti è uno di quelli che classificano l’esperienza dell’Ilva come liberista.
Creata dallo stato, cogestita dai sindacati, dalla Chiesa, ha drogato il consenso con un fiume di denaro, poi è passata ad un “imprenditore” che ha partecipato ad una operazione elettorale (Alitalia) dell’ex presidente del consiglio… altro che mercato libero. Senza lo Stato non si è mosso un capello.  E tutto quello che si è mosso è sempre stato consociativo.
Non sono stati solo gli intercettati della sinistra tarantina, caro Marescotti.
D’altra parte dobbiamo riconoscere a Marescotti l’impegno nella direzione del ricorso alla giurisdizione e dello stato liberale, nella vicenda Ilva.

Anche Pasolini era diviso fra l’ortodossia marxista e lo stile di vita liberale.
Marescotti sembra essere diviso fra l’ortodossia liberale e lo stile di vita, no so, marxista ? Antagonista ?
Però sarebbe apprezzabile se non chiamasse questa vicenda liberista e se dicesse a chi lo segue, e magari non lo sa, che l’argomento sul diritto calpestato dal presidente Napolitano è di origine liberale (basterebbe questo, anche senza citare Pannella)
A lui voglio dedicare questo brano di The Big Kauna, che mi colpì anni fa quando lo guardai e che ricordo ancora, e mi pare pertinente al frangente
Dal canto nostro, qui a Corporeus Corpora, non siamo ottimisti sul destino di Pannella e delle istanze di cui si è fatto portatore, E nemmeno dei suoi metodi di lotta.
A dire il vero non siamo ottimisti neanche sul destino del mondo occidentale in genere, visto la consapevolezza sui diritti che esprime, da destra e da sinistra.
Tutto quello che riusciamo a fare è celebrare e portare nel cuore i nudisti californiani di cui riferisce questo articolo (qui c’è anche un filmato) e che rappresenta, a nostro avviso, la migliore risposta al democraticismo e l’antagonismo italioti e ai loro corollari.
In un quartiere di San Francisco, città libertaria e new age, patria dell’orgoglio LGBT e patria di Harvey Milk, c’è il costume del nudismo, anche in città, sui marciapiedi, nei negozi.
Recentemente un consigliere comunale ha avanzato la proposta di vietare il nudismo nelle strade, consentirlo solo ai cortei, le parate e gli eventi pubblici.
Con l’intento di rendere la città più frequentabile anche ad un target meno “radicale”.
Si è sollevata la protesta. Manifestanti nudi in sit in davanti alla sede del municipio.

«Non tutti possono essere un uomo. Non tutti possono essere una donna. Non tutti possono essere gay, non tutti possono essere etero. Non tutti possono essere cinese o musulmano. Ma tutti possono essere nudi. Questa è la prima decisione che prendi quando ti svegli la mattina: essere nudo oppure no».

Con questa incrollabile convinzione George Davis di San Francisco, 66 anni, si è messo a capo di una protesta nudista (nude-in) davanti alla City Hall della città.

Ma i “Castro’s naked guy” non ci stanno (Castro è il famoso “angolo” dei nudisti di San Francisco). Lloyd Fishback, 51 anni, ha detto che indossa sempre giacca e cravatta al suo lavoro come guardia di sicurezza di una casa di cura. Ma per la protesta indossava un cappello Giants, infradito e niente in mezzo. «È un guastafeste – ha detto di Wiener – Mi piace avere un’abbronzatura uniforme. Mi sento liberato». C’erano un paio di donne nude, un signore che ha portato la sua giovane figlia che, vestita, con simboli pro-nudità distribuiva volantini. «I bambini sono l’ultimo tabù – ha detto Davis – Se fossimo stati al Burning Man sarebbe stata anche lei al naturale. Vi assicuro, non è traumatizzata».

Ecco, io credo che alle donne arabe come ai loro compagni arabi LGBT, come ai cittadini liberi e pensanti, come ai militanti come Marescotti, come agli ortodossi come Pellizzetti, quella dei nudisti militanti californiani sia la migliore risposta (in senso figurato).
Soprattutto i Liberi e Pensanti, non si offendano. So che il conflitto che vivono è concreto.
Ma se vorranno capire capiranno.
E se oggi posso concepire questa risposta, è per merito di Marco Pannella.
 

23 Responses to “nudita´”

  1. Leggendo questo post ho realizzato che Erode ha fallito alla grande, specialmente con Marco Pannella.Non si può e non si deve pubblicare un polpettone come quello di cui sono coda.Negli ambienti frequentati dagli italiani, non importa se bolzanini o trapanesi, in Austria o Svizzera le toilette sono chiuse a chiave e se necessiti di usarle la devi chiedere, la chiave, al gestore, che verrà a verificare prima e dopo l'uso lo stato igienico.Borghezio è alla sua ultima incarnazione della sua ruota, tanto è evoluto, mentre N.Vendola è alla sua prima, infatti equivoca con i buchi.

  2. Non so se c'è dell'ironia su Borghezio e Vendola, che decisamente mi augurerei… Ambedue sono infatti eccelsi personaggi da operetta.Ad ogni modo, lascio questo commento alla risposta di Cato, se riterrà sia il caso.Forse anche no .) Vedremo…Nel frattempo che si scioglie la prognosi, Andretta, a che alludiamo quando leggiamo qui dei cessi sigillati d'oltralpe???Sarà che è quasi ora del mattutino, all'abbazia di Thélème… e non comprendo bene.

  3. Siamo in due!!!Cogliere o meno l'ironia spetta al lettore specialmente quando si scrive in bianco e nero anzichè a colori.Che i cessi siano d'oltralpe e che tutto il resto sia al di là della patria sponda non evinco la differenza.

  4. Nel mondo islamico accadono anche cose come queste:Hyderabad (Pakistan), 22 dic. – In Pakistan un uomo e' stato ucciso da una folla inferocita perche' accusato di aver profanato una copia del Corano. Gli e' stata cosi' inflitta la pena prevista dalla legge del taglione: poiche' avrebbe bruciato il sacro testo islamico, e' stato arso vivo. La vittima era in viaggio nella provincia meridionale del Sindh, e si era fermato nel villaggio di Seeta per la notte, dormendo nella locale moschea. Al mattino l'imam che gli aveva dato ospitalita', tale Maulvi Memon, ha trovato all'interno del tempio i resti inceneriti di un esemplare del Corano. 'Nella moschea era da solo, e dunque non c'era nessun altro che potesse aver fatto una cosa cosi' terribile', ha affermato a posteriori il religioso, che ha allertato gli altri abitanti. Costoro hanno aggredito lo straniero, lo hanno picchiato e infine lo hanno consegnato alla polizia. Non ancora soddisfatti, pero', qualche ora dopo circa duecento facinorosi sono tornati, hanno fatto irruzione nel commissariato, hanno trascinato all'esterno il malcapitato e infine gli hanno dato fuoco. Sono una trentina le persone arrestate in relazione all'omicidio, e sette gli agenti posti in custodia per negligenza: non avevano mosso un dito per salvare il disgraziato.Ed è evidente che per molti aspetti l'intero Islam vive oggi contraddizioni e violenze che l'occidente ha confinato quasi del tutto nel suo passato, con enormi sforzi.Ma, come scrive Cato, solo le notizie più efferate, che non mancano purtroppo mai, trovano sempre sponda nei nostri media: non notizie di taglio opposto, che testimoniano appunto del difficile confronto per la modernizzazione che, in qualche modo, si è aperto anche in quei paesi.Di certo così non li aiutiamo, ergendoci sempre a giudici e guardando a loro con occhio strabico.

  5. Anonymous Says:

    L'unico personaggio da operetta è Pannella. CHe facesse scioperi della fame per ragioni migliori.

  6. E' un'ottima ragione, ma solo per chi comprende perchè. E dire che sarebbe assai facile.Sforzati un pò, che ci arrivi pure tu🙂

  7. Già fatto, grazie. Per questo comprendo.Devo dire, anzi, che a me è costato poco.

  8. Sarei curioso di condividere cosa ha metabolizzato dei scioperi nutritivi di Pannella, egr. Abate?Mi perdoni dei miei marcati limiti, ma se mi potrà illuminare gliene sarò grato.Obtorto collo e senza aver infranto la libertà e la personalità di alcuno ho dovuto espletare il mio obbligo di leva in una camerata assieme ad altre 80 persone(sic!) che pisciavano sul letto, non si lavavano e non pulivano dove cagavano, all'acqua calda si poteva accedere una volta alla settimana e molti vetri alle finestre non esistevano; radio, televisione e giornali erano di là da venire.Il servizio militare l'ho svolto a 1000 km da dove resiedevo io e tutta la mia famiglia e l'entourage delle mie conoscenze, quindi lascio alla sua fervida immaginazione la possibilità di ricevere visite parentali, praticamente in esilio pur nel suolo natio e senza mai cogliere una protesta, a mio favore, dal suo Marco.Sarà un piacere leggerla.

  9. Monica Says:

    Personalmente l'unico motivo per cui spero Pannella non muoia di fame è per non farlo diventare un martire del cavolo, martire di una battaglia insulsa (quella che sta conducendo) che io, come la stragrande maggioranza degli italiani, non condivido.Pannella è 40 anni che si diletta in scioperi di fame e sete, perché non ne fa qualcuno contro i privilegi dei parlamentari? Auto blu, pensioni d'oro e vari sprechi? Uno per i pensionati da 400 euro al mese? Magari un bello sciopero della fame per le vittime del criminali lo vogliamo fare? O questi non soddisfano la sua smania di protagonismo? Comunque non mi preoccupo: ha più medici intorno lui della maggioranza degli ottantenni che sono negli ospedali pubblici.I politici, e tutti quelli che come Pannella, vivono in un altro mondo, di privilegi e scorte, rispetto a noi comuni mortali, non fanno che parlare di nuovi sconti di pena da dare ai criminali, che già in carcere ci entrano ed escono con le porte girevoli. Perché invece non si parla dell'emergenza sicurezza e della certezza della pena che manca? C'è già pure troppa gente fuori dalle carceri, gente che dovrebbe star dentro e pagare non avere sconti, tutti dal piccolo spacciatore al grande mafioso al politico corrotto. I parenti delle vittime dei criminali soffrono nel silenzio e nessuno dà loro voce. Ma che paese è questo dove i cittadini onesti non hanno alcuna protezione e garanzia dallo Stato dai delinquenti mentre per questi ultimi si mobilitano quasi tutti i politici, da Monti alla sinistra? Tutte le vittime dell'indulto del 2006, le vogliamo ricordare?

  10. Perfettamente linea con i commenti sopra. Ho sempre avuto rispetto per i radicali, quelli di una volta, però penso che in questo momento il gesto sia inopportuno. Il tasso di microcriminalità è alle stelle e abbiamo già avuto una marea di indulti negli ultimi anni che hanno dimostrato scientificamente che la quasi totalità dei beneficiari è tornata a delinquere ( sono misure inutili, gravose, offensive per vittime). In Italia il vero problema è quello della certezza della pena infatti ormai per via di infiniti benefici e misure alternative in percentuale (sottolineo IN PERCENTUALE) sono pochissimi quelli ad andare in carcere e quelli che ci vanno comunque vi permangono per un tempo iniquo rispetto al danno arrecato. Rispetto per la dignità umana si, però alla fine quelli sono lì per colpa loro, provo certo più compassione per chi si trova in ospedale che in carcere. La vera battaglia dovrebbe essere la costruzione di nuovi istituti ed espulsioni effettive per i criminali stranieri.

  11. maxromano Says:

    Alla fine l'unico problema è che sono un pò stretti, se andassero a lavorare prendendo i mezzi pubblici tutti i giorni scoprirebbero che esiste anche di peggio. Per il resto lo Stato gli assicura vitto alloggio e assistenza sanitaria spendendo per loro il triplo che per un poliziotto. Hanno anche la possibilità di lavorare in carcere, retribuiti. CHI SBAGLIA DEVE PAGARE. Se in carcere i carcerati vivono in condizioni disperate che si costruiscano altre carceri. No INDULTO. No AMNISTIA. CHI SBAGLIA DEVE PAGARE.

  12. Monica Says:

    Ho espresso una mia opinione relativa a Pannella che era stato espressamente citato, nel post e anche nel commento precedente, non volevo innescare ne incentivare una reazione a catena. Il post è articolato e complesso, tocca diverse problematiche sulle quali si può essere d'accordo o dissentire, ma in ogni caso, non mi sembra corretto ridurlo esclusivamente ad una polemica Pannella sì o Pannella no. Questo ci tenevo a sottolinearlo.

  13. Tesla Says:

    FIRENZE – Una struttura fatiscente con infiltrazioni di acqua, e "in diverse celle piove anche sui letti dei detenuti": e' la descrizione della situazione nel carcere fiorentino di Sollicciano fatta dal parlamentare radicale Matteo Mecacci che stamani insieme a una delegazione ha compiuto una visita nel penitenziario. "Le diffuse infiltrazioni di acqua – ha detto – rendono invivibili non solo le celle ma anche i locali per la polizia penitenziaria". Tra i reclusi 88 donne e due bambini di 3 e 5 anni. Ansa

  14. Anonymous Says:

    Mi spiace per i bambini che non dovrebbero pagare le colpe delle madri, madri infami che hanno rubato, spacciato e quant'altro….perchè non ve le portate a casa vostra anzichè tediare la gente onesta con questa ipocrisia? Chissà quanti di voi se le prenderebbero in casa queste sante donne….però lasciarle libere di reiterare i loro reati va bene?

  15. CatoGraham Says:

    Se il problema e` che non reiterino i reati allora le potremmo direttamente ammazzare, queste infami, cosi´ avremmo la certezza assoluta. O no ?

  16. Siate natalizi!!!Proporrei una tregua almeno fino a Santo Stefano.Le posizioni dei commentatori al momento sembrano essere per sommicapi queste (così poi si riprende meglio): MAX non ha niente in contrario alla tortura dei colpevoli. Legge del taglione e via.Monica pensa che Marco Pannella sia un invasato privilegiato che si diverte a prendere a cuore cause inutili.Black ritiene che qualsiasi provvedimento rivolto a ridurre collettivamente la pena attizzerebbe ancora più i crimini. E pertanto al massimo si costruiscano nuove carceri.Buone feste e spero buona tregua.

  17. Per completezza, tocca riportare anche le tesi di Andretta e di Anonimo:Il primo è certo dell'irrilevanza, se non peggio, di Pannella, perchè all'epoca non si occupò delle condizioni pessime del servizio militare ed in particolare della "burba" in oggetto, omettendo colpevolmente questa santa battaglia;il secondo si sofferma sull'infamità delle madri degeneri e criminali, sulla necessità delle detenzione a tutti i costi, anche dell'annegamento in cella. Perchè nessuno le vorrebbe a casa propria nè si può consentir loro di reitarare i crimini.Bene, questi i capisaldi dialettici emersi in questo dibattito.

  18. Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  19. Olmo Says:

    Non è proprio modo di scrivere così. Questo è un paese incivile e non vi dovete vendicare sui carcerati.

  20. CatoGraham Says:

    Grazie Olmo.le risposte ottenute in questo post sono state oltre la nostra immaginazione e stiamo preparando una risposta piu´ articolata di quanto non consentano i commenti a un post.Credo domani la prima tranche.

  21. CatoGraham Says:

    Mi fa comunque piacere che almeno una voce sia emersa, in questo tripudio reazionario e sanguinario.Grazie davvero

  22. Abbiamo postato il primo dei post dedicato a "motivare" la nostra attenzione per i carcerati, a fronte delle reazioni aggressive ed isteriche, inaspettate nella loro durezza, ad un problema per cui siamo famosi in Europa.http://corporeuscorpora.blogspot.it/2012/12/nudita-ii-la-scomoda-realta-delle.htmlSuggeriamo caldamente a coloro i quali qui hanno commentato di visionare il post linkato.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...